Stefano Denna

STORIE DI SUCCESSO: KARINE DE SOUZA

KARINE DE SOUZA

Bologna

Ho sempre lavorato con la comunicazione, l'ho studiata, l'ho vissuta e l'ho fatta diventare la mia vita!! Non saprei vivere senza comunicare (e modestia a parte sono anche molto brava).. e così sono stata presentata alla PNL, programmazione neuro linguistica, una passione per me..

Avevo un lavoro bellissimo, avevo creato da sola un'agenzia di marketing e comunicazione dopo la laurea, una bella realtà, grossi clienti e un'ottimo fatturato. Tutto da sola!! Dopo qualche anno un matrimonio che fallisce, 2 figli da crescere da sola – sono in Italia da 21 anni, ma la mia famiglia stava in Brasile in quel periodo – così ho lavorato e tirato su i bambini, in mezzo ad una guerra con un ex compagno potente! Un contesto difficile, la straniera che lotta per l'affidamento dei figli contro un marito italiano potente.. una battaglia dura, difficile, straziante!! Poi una brutta malattia, affrontata per lungo tempo anche da sola, un tumore.. vinto alla grande! E per finire arriva la crisi economica, il lavoro crolla, i grossi clienti si ritirano ed io non reggo.. affondo!! E mi trovo da sola, senza soldi e tanti debiti (e tanti crediti! soldi mai visti). Tocco il fondo, arrivo ad andare a fare le pulizie, la barista, la hostess.. dovevo pagare le spese, i debiti e l'avvocato, un periodo buio ma non crollo!
In questo momento come per magia, mi arriva una mail: la società che organizzava i corsi che frequentavo di PNL mi invita ad un workshop di un certo Sebastiano Zanolli. Per me che venivo dal Marketing una leggenda, conoscere ed ascoltare il guru del personal brand!! Quei 30€ in quel momento erano davvero tanti, ma erano per me.. e ci sono andata. Una bellissima serata a Bologna. Trovo una ex compagna dei corsi di PNL, Dania, e conosco lui.. Stefano Denna, che mi parla del Fly, che mi presenta Roberto Re, e il loro mondo! Io non ero ancora pronta e dopo qualche tentativo Stefano mi dice: "Senti, io sono qui, tu hai il diritto ad 1 ora di coaching, quando sei pronta chiamami!"  Sono passati ben 6 mesi, in questi 6 mesi ho toccato il fondo con i bambini: mia figlia si rifiutava di stare con me, il padre ce l'aveva fatta! L'ha messa contro di me, ed io ero debole, cercavo di difendermi e tutto intorno crollava, avevo però la mia bambina da salvare! La forza del figlio più piccolo mi ha tenuta a galla. Lui non ha mai ceduto e mi è stato affianco, con solo 7 anni ha scelto.. che voleva la mamma.

Andava tutto a pezzi, lavoro e famiglia. Non c'era più nulla! Ma io sono quella che ha vinto un tumore, che stava per morire e non ha accettato questo, che ha lottato per dare ai miei figli una vita migliore di quella che avevo io, non potevo stare lì. Mi sono domandata:

cosa posso fare per cambiare la mia vita? 

Ho trovato dentro di me 2 risposte:

- La prima: una vecchia passione, un secondo lavoro nato quasi per caso: durante le fiere che organizzavo in Italia seguivo commercialmente le aziende brasiliane che volevano vendere qui e quindi ora che l'Italia è in crisi, che nessuno spende in comunicazione e Marketing avrei potuto portare in Brasile le aziende italiane e seguirle commercialmente, era il processo inverso.. un'altra passione, e la possibilità di lavorare ancora di più con il mio paese. Lì i soldi ci sono, in Italia no, era il momento giusto.

- La seconda: Stefano Denna, la palestra che avevo bisogno! Non sapevo bene di cosa andassi a parlare con quell'uomo simpatico ma sconosciuto per me. Non sapevo cos'era il FLY ma le poche cose sentite 6 mesi fa erano rimaste dentro di me. Ha fatto tutto lui!! E ha tolto dal mio cuore in mezzo a mille lacrime una voglia di vivere, una forza e un'amore immenso.. ha risvegliato il gigante che dormiva in me.
Quelle parole mi hanno stravolta, i 3 cervelli..

quello era il segreto, dovevo usare i tre cervelli.

Il primo obiettivo, trovare i soldi per pagare il FLY e ce l'ho fatta alla grande, è la prima prova di che tutto ciò che avevo bisogno era già dentro di me.
Da lì a poco il primo progetto in Brasile: dovevo portare una grossa azienda giù e trattare per conto loro con il Governo Brasiliano. Si parlava di segnaletica stradale, mi sono preparata alla grande e sono arrivata al vertice. Le parole sentite in solo 3 giovedì mi hanno dimostrato che ce la potevo fare.. un successo enorme e da lì, tutto in salita.. grandi e piccoli progetti, divento riferimento per aziende nel mio paese, cercata da professionisti, Confindustria, Confcommercio e Comunità Europea.. Nel frattempo studio, studio e mi formo:

il corso di tecnico di commercio estero fatto tanti anni fa diventa il mio pane, la comunicazione la mia arma più forte, il FLY e Stefano Denna sono la mia palestra.

Un anno di allenamento, tanto impegno per essere lì ogni giovedì, a costo di portare i bambini con me, tanti amici speciali, tante persone che mi ammirano e che mi sopportano. L'Emotional Fitness, il cambiamento!!

La leva l'ho travata lì.. Conosco Roberto Re ed entro al 1000% nel suo mondo iniziando a collaborare con lui personalmente, curando la sua immagine in Italia, aiutandolo ad entrare nel mio paese, un altro successo! Diventa un'amico, una persona ammirevole...lui e tutti gli altri. Sono esterna, ma mi sento parte di una famiglia.


Imparo a conoscere i miei valori, a definire i miei obiettivi, le mie priorità, a dire no, e la cosa più importante.. a scegliere.

Imparo ad essere più serena ed accettarmi come una mamma meravigliosa.. e da questo momento getto la spugna, basta litigi, bastano avvocati. Bandiera bianca. Voglio solo essere serena e felice (felice sono sempre stata, anche nei momenti più brutti!), vivere i miei figli nel miglior dei modi. Mi riavvicino all'ex compagno, imparo tramite gli esercizi di PNL a gestire le mie emozioni e ad affrontarlo con serenità, lo perdono, mi perdono. Chiedo aiuto a lui e a sua moglie, avevo bisogno di riprendere il rapporto con mia figlia, vederla felice affianco a me e finalmente serena, anche lei ne aveva bisogno. Ci ho lavorato un'anno intero, e ce l'ho fatta.. piano piano, ho riconquistato Noemi.

Oggi sono una mamma felice e serena, non mi sento più in colpa perché lavoro, una credenza limitante che ho eliminato dopo tanti anni aiutandomi a cambiare il tutto, il contesto, il mio comportamento, la mia reazione.

Lei ora mi ammira, ha momenti alti e bassi, è ancora molto condizionata dal padre, ma io voglio aiutarla, lo faccio e so che andrà tutto sempre meglio. Oggi ho un lavoro che amo, ho appena aperto la mia società d'internazionalizzazione anche in Brasile e la mia prima enoteca, un vecchio sogno, la prima.. e altre verranno, i debiti se ne andranno, i problemi si risolveranno ed io continuerò ad allenarmi, a crescere, a conoscermi, a scegliere... è tutta una questione di allenamento, perché tutto ciò che ho bisogno è già dentro di me.


Karine De Sousa, imprenditrice

Vedi le altre storie