Stefano Denna

STORIE DI SUCCESSO: PIERO CORRENTI

PIERO CORRENTI

Torino

Mi chiamo Piero, ho 41 anni e nella vita ricopro molti ruoli come libero professionista, marito e padre di tre bimbe. 

Nell'ottobre del 2010, una mattina come tante al lavoro in studio, arriva una mail con suffisso HRD che attira la mia attenzione. In breve spiegava della proiezione di "CIAK SI CRESCE – Formazione al cinema": una serie di video-interventi curati da Roberto Re e moderati dall'allora neodirettore del Centro Fly di Torino, Francesca Romano.

Roberto Re..., dissi tra me e me... Immediatamente mi passarono davanti agli occhi le immagini di un uomo che un po' di anni prima vidi in TV, che "camminava tranquillamente" su un tappeto di carboni ardenti... Ricordo lo scetticismo dei miei fratelli davanti a quelle immagini che sembravano nascondere un trucco, ma ricordo anche le mie parole: "...un giorno lo farò anche io, perché credo che la mente degli esseri umani abbia un potenziale non utilizzato che ti consente di camminare sulle braci e chissà cos'altro...".

Stavo vivendo un periodo lavorativo ed economico molto impegnativo, così come alcune delle persone che mi stavano accanto. Spontaneamente girai quella mail con invito al cinema ai fratelli scettici e un caro amico.
Una combinazione di "strani" eventi ci conducono, tutti, ad iscriverci al Fly, ognuno con motivazioni diverse e di decidere di migliorare le nostre vite. Piccola premessa: sono una persona che ha sempre ottenuto gli obiettivi che si è prefissato, facendo da solo, studiando e sperimentando, ma il metodo "fai da te", pur efficace, è troppo lento per i tempi sempre più veloci in cui viviamo.

Praticamente ho avuto la possibilità di implementare la mia conoscenza e raggiungere più rapidamente tutti gli obiettivi di successo in ogni campo della mia vita, sia che si trattasse di me, del mio lavoro o in particolare della mia famiglia.
Le serate del Fly e l'Emotional Fitness, il week-end full immersion con Roberto Re, conducono in meno di due mesi a risultati straordinari e gli echi degli stessi risuonano ancora oggi:

miglioramento delle prestazioni lavorative, migliori rapporti con clienti e fornitori, maggiore armonia familiare.

In particolare ricordo un evento extra con l'intervento di Stefano Denna, che da direttore e trainer del centro Fly di Firenze e Bologna e da padre trasferiva con "Genitori Coach" una serie di semplici strumenti che, ancora oggi, contribuiscono ad aiutarmi nel mio ruolo di padre di tre figlie con risultati che posso solo definire "oltre".
Fra tanti eventi straordinari mi soffermo su alcuni episodi che coinvolgono le mie figlie Vanessa e le gemelle Claudia e Silvia.
Vanessa, che oggi ha 9 anni, educata con modi differenti di interpretare gli eventi e ad impegnarsi con tutta se stessa per superare le difficoltà, all'età di 5 anni impara di sua spontanea volontà e totale autonomia ad andare in bicicletta dopo essersi fatta smontare dall'operatore scolastico le rotelle della bicicletta della scuola materna, perché, parole sue, "...potevo farlo da sola... e l'ho fatto!".
Claudia all'età di 4 anni affronta i brutti sogni spostando l'attenzione su ricordi belli e divertenti. Silvia, che al tempo aveva appena compiuto 5 anni, non voleva disegnare perché i suoi disegni non erano belli come i miei: guidata nell'impegnarsi, imparando dai propri errori, ora disegna benissimo.
Forse, narrati così, possono apparire un po' sintetici, ma i singoli episodi fanno la differenza: gli strumenti utilizzati per giungere con semplicità a tali risultati costituiscono dei precedenti cui attingere ogni qualvolta si presentino delle difficoltà da superare, per tutte loro e anche per me.

Grazie... a tutte le straordinarie persone che ho incontrato in HRD.

Piero Correnti

Vedi le altre storie